MAB Live Stream #1 – Carlo Cecca presenta “Il cuore ha le orecchie?”

MAB Live Stream #1 – Carlo Cecca presenta “Il cuore ha le orecchie?”

E’ stato un successo il primo appuntamento con MAB Live Stream: nel corso del doppio appuntamento – ore 21.00 diretta sulla pagina Instagram della MAB; ore 22.00 diretta sulla pagina Facebook – lo scrittore Carlo Cecca ha presentato il suo primo libro dal titolo “Il cuore ha le orecchie?“.

Un appuntamento, il primo, che è riuscito a coinvolgere ed interessare gli utenti intervenuti alla diretta che hanno potuto ascoltare la presentazione condita da alcuni brani che lo scrittore ha letto in diretta.

Come definire il libro? “E’ mio figlio – ha detto Carlo – è gran parte soprattutto della mia adolescenza, è una raccolta di flussi di coscienza, poesie, aforismi, di piccoli testi”.

Il libro è uscito il 10 Febbraio ed è attualmente disponibile su tutti gli store digitali e sul sito dell’editore.

Potete rivedere la diretta direttamente alla fine di questo articolo.

Carlo ha voluto donare ai lettori del blog della MAB alcune poesie e riflessioni.

Buona lettura e… continuate a seguire i social della MAB, presto verrà annunciato il secondo ospite di MAB Live Stream!

Estratti dal libro di Carlo CeccaIl cuore ha le orecchie?“:

“Cresci senza rendertene conto, nuove esperienze, nuovi porti sicuri che poi vengono trascinati via da uragani e tsunami formatisi nella nostra Mente. Chissà che ne sarà di noi, dei nostri bagagli, delle nostre spalle curve: tutti ricordi.”

“A tutte le storie
A tutti i baci
A quelli mai dati
A me
Al mio amore
All’amore
che non ho avuto mai.
A te
Che sapevi di noi.
A me
Che sapevo di te
Dedico tutto l’amore
Che non ho mai provato.
A me
Che sono
Mille volte e più Innamorato
Della sola idea
E del tuo sapore.”

SABBIA
Non morire mai dentro
sei come fuoco che si spegne al vento. Ti sento urlare con la voce persa
e capisco che ormai non sei più la stessa; resto con te,
vulnerabile,
dannata,
disperata
come sabbia d’estate
ricoperta di persone stressate.
Nei cicloni invernali
ti ci vedi rilassata
nel mare, rifugiata
urlando t’addormenti
sospirando parole disperse dai venti.

“Ognuno è raro.
Cura con perseveranza la tua rarità
e lasciati risplendere dalla luce del sole.”

Leave a Reply